MARATONA DI MILANO 2004   

Quando mi chiedono “Perchè fai le maratone?”, io rispondo “Perchè mi piacciono, mi piace il pre-maratona, mi piace l’ambiente adibito alla maratona, girare e rigirare l’expo, incontrare gli amici che condividono la mia stessa passione, l’arrivo, ricevere la medaglia, il mal di gambe, il mal di pancia (ormai è usuale per me), le persone che ti sostengono, ti incitano, ti fotografano… e quest’anno addirittura mi hanno intervistata!!!" (ma mi hanno tagliata, forse perchè non ci stava il mio faccione nella telecamera, ihihihi).
Ecco, per quanto concerne quest’ultima mia maratona, quella di Milano 2004, alcune cose sono venute a mancare, ma altre mi hanno colmato di allegria e di sensazioni davvero piacevoli che mi hanno riempito il cuore e lasciato il sorriso sul volto per tutto il week end.
Una delle cose che mi è molto mancata è stata la “passeggiata” per l’expo, nel senso che quei tendoni montati per il ritiro pettorali non riesco neppure a concepirli come tale. Che tristezza! Non c’era nulla, tranne l’esposizione di articoli della Diadora e pubblicità alla Citroen. Ma insomma!!! Possibile che una città come Milano non abbia le capacità di fare qualcosa di meglio? Sono assai delusa… per fortuna avevo la compagnia di persone meravigliose venerdì pomeriggio, che mi hanno comunque fatto gustare il pre-maratona: Vito Porcelli, che mi ha fatto compagnia sin dalla mattina e mi ha donato degli splendidi tulipani (fiore che adoro!), una persona dolce, simpatica e gentile; Gianni (chiomadamattocchio), che con il suo sorriso e la sua ironia non ci si annoia mai; Davide (davmaz), che ormai mi sembra di conoscere da una vita e con il quale sto sempre benissimo, essendo lui una persona deliziosa; Alessandro (Ale71), Katia e Tommaso, una famiglia bellissima. Qui devo assolutamente soffermarmi su Tommaso, un bambino meraviglioso, un “patatone”, con i taglietti sulle braccia adorabili, le fossette sulle manine e le guance tutte da mangiare!!! Insomma, ha corso il rischio che lo mordessi tutto (ehhehehhe). E poi c'erano Carlos (andicar), una persona di compagnia, simpatica e allegra, Gianluca (Turbogianlu) che conosco da tempo (fa infatti parte del mio gruppo podistico) ma che non mi stanco mai di vedere, Jole (GPG 88), che ho da poco scoperto come amica e che in questa maratona ha lasciato tutti a bocca aperta, poichè ha terminato la maratona in 4h17’!!! Brava Jole!!!
Dopo questo venerdì entusiasmante, ho passato un sabato sereno, ma ardito al tempo stesso. Infatti mi sono concessa alcuni “lussi”, nonostante la mia partecipazione alla maratona, tra i quali: panino con salsiccia, cipolle e senape, accompagnato da un buon bicchiere di vino rosso. Comunque tutto ciò che mi sono permessa questo giorno non mi ha toccato fisicamente, ma moralmente, mi ha cioè caricato a livello psichico. Evviva i peccati di gola!!!
La mattina della maratona finalmente ho incontrato, per la prima volta, Fabio e Antonio Rossi, due persone squisite. Fabio, con le sue carinissime fossette sulle guance, mi è sembrato proprio un fotografo professionista, sono davvero contenta che venga a fare il servizio fotografico domenica prossima alla Gipigiata! Suo papà Antonio, che non ha nulla a che vedere con mio papà Peppino, infatti è tranquillo e paziente, almeno questa è l’impressione che ho avuto. Ho rivisto poi, con piacere, il bell’Antonio, ormai da me soprannominato il “Re Leone”, sempre sorridente e tranquillo, Davide, Jole, Giovanni e Barbara, Vito, Marco (McLoonies), Pierangelo (glisonip) e tanti altri amici di Podisti.Net e non, tutti allegri, spensierati e pronti per affrontare con “coraggio” la maratona. Mio padre, Peppino, pur avendo un problema al ginocchio ha corso la sua maratona arrivando con un buon tempo (4h10’), che roccia!!! Mi Ë mancata l’allegria coinvolgente di Paolo (FAST), al quale faccio i miei complimenti per l’ottimo risultato, così come li faccio a Max, che prima o poi riuscirò a conoscere e ad Antonio e a Peppe che è riuscito nel suo intento: stare sotto le 3h... insomma i “velociraptor” del sito.
GARA
Sono partita con Jole, Daniela e Antonio (del mio gruppo podistico). Ovviamente dallo sparo alla partenza, per noi, sono passati ben 3 minuti, ma poco importa, abbiamo il cronometro! Ci siamo accodati al gruppo dei 4h30’, ma ad un certo punto Jole e gli altri due decidono di andare oltre, io invece rimango con le lepri. Verso il 10° Km inizio ad accelerare per raggiungere Jole, mi sento bene e ho voglia di correre a un passo poco pi˘ sostenuto. La raggiungo e al 15° vedo “luchino” (luca74) ed inizio a saltellare e a improvvisare uno show per la contentezza (giusto per disperdere energie!!). Vedo Fabio Rossi che immortala il mio “spettacolino”. Rimango insieme a Jole e Daniela fino al 20° km, dopodichè inizio a rallentare di nuovo, anche perchè ne ho ancora
22,195 km da fare…e la crisi del 30° è vicina… Procedo con il mio passettino, sempre correndo, mi fermo agli ultimi ristori, mangio mela e banana e procedo. Intorno al 30° incontro Luca (Ironlu), con il quale inizio a correre, ma al 39° lo lascio andare, ho bisogno di fermarmi ancora al ristoro e mangiare ancora un po’ di frutta, il mio corpo ne sente il bisogno. Nel frattempo mi riprendono le lepri delle 4h30’, e chiedo loro se riesco ad arrivare in 4h29’. Il “leprotto” mi dice di seguirlo per raggiungere il mio scopo, ma verso il 40° li lascio andare, sono stanca e stufa e diminuisco notevolmente il passo. Finalmente vedo il cartello “ultimo Km”… che visione meravigliosa!!! Inizio quindi ad accelerare (se così si può dire) e percorro il Corso Vittorio Emanuele con le mie ultime forze. Leggo il tabellone all’arrivo e segna 4h29’…accelero…”sprinto e vado" come Goldrake… 4h29’40"!!! Dalla gioia vado incontro ad Antonio Margiotta e a Fabio Rossi per abbracciarli, mentre il mio cronometro va… (santa polenta che imbranata!), comunque l’ho finita con un real time di 4h26’04" e sono davvero contenta!!!!