Serata eno-podistica a Soave (Verona)

Da Gruppo Podistico GSD Valdalpone De Megni

 

In una calda sera di luglio, la ridente cittadina medioevale di soave indossa, per una notte, panni eno-podistici.

Nasce quasi per caso, dopo la Manifestazione di Monteforte d’alpone, “Montefortiana”, l’idea di unire in connubio sport ed enologia, due componenti che caratterizzano il territorio di cui queste località sono ricche.

Il gruppo podistico GSD Valdalpone De Megni, di Monteforte d’alpone insieme all’amministrazione comunale di soave, agli alpini e alla Proloco, s’incontrano per riunire le idee.

Quale occasione se non organizzare una manifestazione podistica, come avviene già in altre città murate, combinandola alla storia ed all’ enologia?

E così il 5 luglio con partenza dalla caratteristica Porta Verona prende il via alle 20.00 la 1° corsa podistica non competitiva, lungo un anello di 3 km, ripetibile sino alle 22.00, che si snoda per vie e squarci caratteristici di soave.

Puntuale la partenza, che avviene alla presenza di 500 iscritti, del sindaco di soave Lino Gambaretto, della presidentessa della proloco Ginetta Minchio, del presidente della strada del vino soave paolo menapace, dell’ amico e speaker della manifestazione Michele marescalchi e del presidente del G.S.D. Valdalpone de Megni Ferdinando Bolla , vice presidente Giovanni Pressi e del Segretario Gianluigi pasetto.

Questo il percorso: varcata porta Verona dopo un centinaio di metri si svolta a destra all’altezza di Borgo Covergnino per poi ritornare in via Roma dalla quale inizia la breve ma impegnativa la salita che porta al castello di soave; si prende un po’ di fiato per poi lasciarsi andare lungo la discesa che riporta in paese; per i meno frettolosi è possibile ammirare uno splendido panorama della vallata arrivando poi alla caratteristica chiesa di santa maria della bassanella.

Oltrepassato il caratteristico “Buso del gatto” si rientra all’interno delle mura del paese attraverso porta Aquila per poi compiere l’ultimo km verso l’arrivo.

L’arrivo è previsto al parco comunale dove è attivo un fornitissimo ristoro che offre bibite varie, fette biscottate con la marmellata e biscotti.

Oltre al pasta party finale e al ristoro, la quota di iscrizione di 3 euro, dà diritto al ritiro di una bottiglia di ottimo vino Soave doc, una confezione di Tortellini Avesani e una confezione di succo Hawaiki. Molte le persone che hanno optato per la ripetibilità del percorso in ragione del fatto che, calato il sole, sono state accese numerose torce che illuminavano il percorso, rendendolo di una suggestione senza eguali.

La serata procede poi dopo le 22.30 con le premiazioni: sono 15 i gruppi che hanno aderito a questa iniziativa, provenienti da ogni parte della provincia e non.

A loro è stato offerto una confezione di vini soave doc, un “tasta vin” in terracotta, una moneta coniata per l’occasione, una formaggella di ottimo monte Veronese e un gagliardetto del comune di Soave, tutti prodotti tipici che rendono unica nel suo genere questa località, inserita in un contesto più ampio, a livello regionale, quale la strada del vino Soave.

                                                        

 

                                                                                                               Paginadi Sara