Una delle grandi doti dei tapascioni è quella di riuscire ad abbinare alla corsa l'amore per i bei doni che la vita ci riserva. Uno in particolare ci è molto caro e forse è proprio quello la causa delle nostre prestazioni non proprio da grandi atleti. Ma il piacere che proviamo quando raggiungiamo i ristori intermedi e finali nelle nostre adorate tapasciate è un qualcosa che riesce persino difficile a descriversi. E' cosi, fa parte del nostro essere, ed è un gran bel vizietto.

Cosi, alla faccia delle diete e delle rinunce, apriamo questa pagina dove cercheremo di raccogliere le ricette più strane e particolari, e chiunque vorrà potrà inviarle al nostro indirizzo di posta e saremo ben lieti di pubblicarle e soprattutto......provarle.

L'apertura è dedicata ad un dolce assaggiato alla mitica Gipigiata: l'autrice della ricetta è Silvana, alias Sly, cuoca tapasciona e tapasciona cuoca del GPG 88.

Ecco la ricetta della "TORTA DEL PODISTA":

 

100 gr. di burro, una confezione di Kellog's Choco Krispies al cioccolato (è riso soffiato), 5 Mars.

 

Fai sciogliere il burro in un tegame di alluminio abbastanza grande unendo i 5 Mars a pezzetti, mescola bene perchè deve diventare una crema mou, poi togli dal fuoco, unisci il riso soffiato e mescola bene.

Riporta sul fuoco per una decina di secondi sempre mescolando. Prendi uno stampo, versa il tutto e con un foglio di carta forno premi bene per dare la forma e compattare il riso.

Tagliare a blocchetti. Solitamente il giorno dopo è sempre croccante ma più morbido.

 

Cosa fate ancora qui, non siete ancora andati al supermercato?

 

                                                                                   

 

Ed ora una grande ricetta adattissima a dei Tapa Golosoni come noi: un ottimo dolce, fatto senza burro, che inzuppato nel caffelatte fa fare la ola a tutti gli ormoni ed i succhi gastrici. Ecco a voi il "TAPACIAMBELLONE".

Ingredienti:

350      gr. di Farina

250      gr. di Zucchero

         bustina di lievito per dolci

         uova

1          bicchiere di Olio

1          bicchiere di Latte

 

Preparazione

Si comincia a mescolare la farina con lo zucchero per poi aggiungere le uova.

Mentre si mescola il tutto, aggiungere lentamente prima l’olio e poi il latte.

Non appena ha preso forma la crema, aggiungete la bustina di lievito

Continuare a mescolare eliminando ogni grumo eventuale di lievito.

Quando siete soddisfatti dalla cremosità del vostro lavoro, mettete nel forno già caldo, ad una temperatura di 180 gradi, per circa una mezz’ora, in funzione del tipo di forno ( andate un po’ a sensazione).

Alcuni suggerimenti

La teglia di cottura se non è disponibile con il classico buco centrale, può essere una tradizionale con al centro un vasetto (tipo sottoaceti) capovolto, che avrete cura di tenere al centro perfettamente immobile, mentre versate la crema.

In entrambi i casi, teglia a ciambella o teglia tradizionale, sono da ungere bene con margarina per evitare di far attaccare la torta.

Come tocco finale, una volta che avete messo su di un piatto il vostro ciambellone, potete aggiungere una spolverata di zucchero al velo e cacao, passandoli con un “passino/retino” ( non so come si chiama realmente...).

Il nostro Antonio la spaccia come sua, noi invece ringraziamo di cuore Anna, sua moglie.